Imparare la felicità

A lezione di felicità

La psicologia positiva ci dice che possiamo imparare ad essere felici. E’ vero?

Quando, nei miei incontri di formazione, parlo di salute e di felicità, tutti drizzano le orecchie e prestano attenzione alla prima parola. La salute si può quantificare, quasi vederla attraverso i propri occhi e quelli delle persone care. Quando chiedo invece cosa è la felicità, allora la sala si divide in due. Da una parte coloro che sorridono come bambini a Natale; dall’altra, gli sguardi vanno da stupefatti a increduli e persino un po’ beffardi, come a dire “Ma va là…”.

La felicità è l’aspirazione fondamentale di ogni essere umano. Nasciamo, cresciamo e invecchiamo cercando, in ogni momento della nostra vita, di essere felici. Spesso cerchiamo questa preziosa qualità del cuore nelle cose materiali e quando non riusciamo a trovarla talvolta finiamo per cercarla nel buio della dipendenza fisica o affettiva.

Eppure, basterebbe ritornare all’infanzia…

“Bimbo mi chiedi cos’è l’amore? Cresci e lo saprai. Bimbo mi chiedi cos’è la felicità? Rimani bimbo e lo vedrai…”

Jim Morrison

I bambini hanno, infatti,  una tendenza innata alla felicità.

La curiosità, l’immaginazione, l’ottimismo e la fiducia che possiedono rendono loro più semplice godere intensamente delle piccole cose e assaporare ogni momento con intensità, come la polpa fresca di una pesca matura. Tuttavia, fare della felicità una costante della nostra vita è un’arte che si apprende nel tempo, è la capacità di affrontare i dolori e le delusioni della vita con un cuore aperto e libero, è la voglia di rimettersi in gioco e di sperare quando il sogno si è infranto, è la volontà di condividere con il resto del mondo la propria umanità fatta di speranze e di sofferenza.

Spetta a noi adulti, genitori, nonni, educatori, insegnare la felicità vera, quella che scende dentro raggiungendo e illuminando la parte più intima e più profonda di noi stessi. Per fare questo, è importante ascoltare con orecchio attento e cuore aperto i bambini. I bambini sanno essere felici anche quando il mondo intorno a loro piange. I bambini sognano e sanno che il sogno è reale tanto quanto la realtà.

Di cosa si è occupata la psicologia

A partire dalla II Guerra Mondiale, la  psicologia si è occupata prevalentemente di emozioni negative e di come prevenirle. L’attenzione, seppur utile, sulle cause della sofferenza umana, ha distolto per decenni l’attenzione dai mattoni fondamentali della felicità individuale , indispensabile per affrontare la fatica di vivere, e anche quella di morire. Il lavoro pionieristico del professor Martin Seligman ha segnato uno spartiacque attraverso la definizione di “psicologia positiva”, lo studio della felicità e del benessere umano.

Se vogliamo essere felici e se vogliamo che i nostri figli siano felici, è indispensabile coltivare, apprendere e insegnare  l’arte della felicità.  Come diceva Proust “Dobbiamo essere grati alle persone che ci rendono felici: sono gli affascinanti giardinieri che rendono la nostra anima un fiore”.

Anche la felicità si può coltivare. Come in ogni lavoro dell’animo. Nel prossimo post parleremo dei 5 elementi fondamentali alla base del benessere psicologico. Impareremo i lavori stagionali, per la semina e il raccolto della felicità… imparare ad essere felice potrebbe essere il tuo obiettivo per il Nuovo Anno. Che ne dici?

 

Lascia un commento

Hai voglia di leggerezza?

Iscriviti adesso al mio workshop gratuito:

Come sopravvivere al Natale 2020 (a tavola)

Siamo sincere… il periodo delle Feste di fine anno è un periodo da sempre complicato.
Da una parte, la gioia dei ricordi, della condivisione e delle coccole. Dall’altra, la mancanza di chi non c’è più, l’ansia crescente dei regali, delle responsabilità, delle riunioni non sempre felici e autentiche e il peso delle tentazioni alle quali facciamo spesso fatica a resistere.

Quest’anno, poi, la pandemia ha gettato il carico da novanta: isolamento sociale, smart work, solitudine, stress, paura del futuro…
Ahia, quanta difficoltà per chi magari già vive con il cibo una relazione difficile!

E quindi, cosa vuoi fare? Arrenderti? Nasconderti dentro al frigorifero fino al 1 gennaio?
Fare finta che il problema non esista e rimandare tutto al nuovo anno?

Hai voglia di leggerezza?

Iscriviti adesso al mio workshop gratuito:

Come sopravvivere al Natale 2020 (a tavola)

FAI CLIC SULLA DATA CHE PREFERISCI:

Partecipa al mio seminario gratuito  Come sopravvivere al Natale 2020 (a tavola).

 Impareremo insieme a:

  • comprendere e riconoscere i meccanismi dello stress
  • capire perché mangiamo quando non abbiamo fame
  • riconoscere i 5 segnali della fame emotiva e del Binge Eating
  • scoprire quali comportamenti alimentari abbiamo in comune coi topi
  • capire finalmente il reale effetto dello zucchero sul nostro cervello
  • evitare la trappola dei cibi palatabili e iper-palatabili
  • apprendere e applicare 3 tecniche salva (giro)vita per iniziare con meno stress il nuovo anno!

E’ un Workshop LIVE video “Kira Stellato Dream Academy“. Basta un clic per collegarsi!
Dr. Kira Stellato, PhD

 

Iscriviti adesso al mio workshop  gratuito e preparati a vivere il Natale e le feste in leggerezza!

Workshop GRATUITO

Come sopravvivere al Natale 2020 (a tavola)

Perfetto!

Controlla la tua casella di posta.

Ti abbiamo spedito la mail che riceverai a breve.