fbpx

L’Indifferenza

La violenza fisica, sessuale, psicologica, verbale ed economica è una malattia dell’anima che ha radici lontane ed è ancora lontana dall’essere guarita. Tuttavia, nelle nostre società annichilite da anni di benessere e di forma senza sostanza, si è diffusa una malattia ancora più oscura e in parte misteriosa. L’INDIFFERENZA.

https://kirastellato.com/wp-content/uploads/2018/03/indifferenza.jpg

La  violenza fisica, sessuale, psicologica, verbale ed economica è una malattia dell’anima che ha radici lontane ed è ancora lontana dall’essere guarita. Tuttavia, nelle nostre società annichilite da anni di benessere e di forma senza sostanza, si è diffusa una malattia ancora più oscura e in parte misteriosa. L’INDIFFERENZA. Una donna brucia e un uomo la guarda bruciare. Un bambino è vittima di violenza sessuale e gli adulti chiudono le porte e nascondono le scarpe. Per ogni barca che affonda si asciuga sempre di più il cuore. Migliaia di animali vivono ogni giorno vite senza misericordia. Ci emozioniamo per un attimo, poi il cerino si spegne.

Donne, uomini, vecchi, bambini, animali, alberi, fiumi, oceani, soffrono e noi non li vediamo, non li sentiamo, tiriamo avanti seduti sulle nostre vite a soffocarci mente e cuore.

L’indifferenza è l’ottavo vizio capitale

Don Gallo

L’indifferenza è un handicap del cuore; segnala un deficit, una mancanza nell’intelligenza emotiva, una incapacità del fare relazione, di stare nella relazione. Essere indifferenti serve a renderci non visibile il dolore che ci circonda. Ma perché siamo così indifferenti? 

Apatia psicoecologica

Nell’epoca della connettività virtuale, del tutto ora, viviamo a spicchi.  Non ci sentiamo più parte dell’ambiente e responsabili del tutto; siamo granelli di sabbia senza una spiaggia in cui stare e scaldarci, lancette dell’orologio senza minuti. Non sentiamo di avere più un posto nella fotografia di “famiglia”. Ci manca il contesto, il senso di appartenenza. Ci mancano entusiasmo e passione. La nostra epoca è dominata dalla paura; non ci fidiamo più neanche di noi stessi, figuriamoci dell’altro…il continuo bombardamento di notizie, immagini, storie atroci senza messaggi di speranza, ottimismo,  ci fa sentire incapaci di fare la differenza. Così ci allontaniamo emotivamente, ci spegniamo mentalmente. Una specie di botox del cuore. Nessuna ruga, nessun dispiacere. Tanto… Niente mai cambierà. IO non cambierò mai…

E invece no. Svegliarci è un nostro diritto e un nostro dovere! La vita è imperfetta, sicuro. La nostra società traballa, certo. E allora?

COME SVEGLIARSI dall’anestesia delle emozioni?

Di questo parleremo in uno dei prossimi incontri. Ritroviamoci!

Condividi!

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Ti potrebbe interessare anche...

Immagine di un aperitivo

Come praticare il Mindful Drinking?

Mindful Drinking, il bere consapevole. Il nostro cervello è costruito per farci divertire e provare appagamento. Non scambiamo la consapevolezza in un atteggiamento punitivo e restrittivo! Ecco 4 suggerimenti su come praticare il Mindful Drinking. 

Perfetto!

Controlla la tua casella di posta.

Ti abbiamo spedito la mail che riceverai a breve.